Cerca
Menu
    Menu Chiudi

    Icona Santa Cecilia (vergine e martire) - III secolo

    Cecilia era un nobile romana, molto caritatevole e generosa con i poveri che ogni mattina la attendevano al termine della messa celebrata da papa Urbano nelle catacombe lungo la via Appia.
    Consegne e Spedizioni: Consegna diretta su Verona città. Spedizioni in tutta Italia con corriere espresso.
    *

    Hai un negozio e vuoi aggiungere anche i tuoi articoli ? Scopri come: QUI !

    Disponibilità: Disponibile
    €155,00
    i h
    Spedizione gratuita

    Giovane e bella, andò in sposa a Valeriano, ma il giorno delle nozze si fece promettere da lui che avrebbero vissuto insieme in castità. «Nessuna mano profana può toccarmi - gli disse - perché un angelo mi protegge.

    Se tu mi rispetterai egli ti amerà come ama me». Valeriano, un pagano, fu così attratto dalle virtù della giovane moglie, che si convertì al cristianesimo.

    Valeriano chiese all’angelo la grazia della conversione del fratello Tiburzio: ottenutale, i due fratelli si diedero a seppellire le vittime della persecuzione ma, denunciati, furono condannati alla decapitazione.

    Cecilia compose i loro corpi in un sarcofago; a sua volta venne condannata ma fuggì alle fiamme e fu decollata:

    colpita tre volte, sopravvisse tre giorni, nei quali distribuì i suoi beni e raccomandò al papa che facesse della sua casa una chiesa.

    Sepolta dal santo papa Urbano, il suo corpo fu poi rinvenuto da papa Pasquale I (817-824), del quale si dice che la santa gli apparve e gli fece ritrovare le sue reliquie, che egli collocò in seguito nella chiesa a lei dedicata:

    il capo fu posto in un’urna poi trasferita nella chiesa dei Santi Quattro Coronati. Nel 1599 si fece una ricognizione e si ritrovò il corpo della santa intatto e sdraiato sul fianco.

    Santa Cecilia è stata considerata patrona dei cantori e dei musicisti in quanto nella sua passio si narra che, mentre si preparava la festa delle sue nozze, «cantantibus organis, in corde suo soli Domini decantabat»:

    mentre suonavano gli organi, Cecilia nel suo cuore cantava solo a Dio.

    Patrona dei cantori, dei musicisti, dei fabbricanti di strumenti musicali e dei poeti.

    Festività: 22 novembre

    PROVENIENZA

    Quest’icona proviene da laboratori

    di antica tradizione della scuola rumena.

    L’icona è stata scritta rispettando tutti i canoni.

    Dipinta a mano su una tavola di legno

    ricoperta di lino e gesso,

    usando la tempera naturale e la foglia d’oro.

    Le piccole imperfezioni che si possono riscontrare

    sono il segno dell’esecuzione artigianale.

    Ogni pezzo è unico e irripetibile,

    anche se simile ad altri della stessa scuola.

    Etichetta del prodotto